911 e il fumetto americano made in Italy

di Gabriele Roberti

Nel novembre del 2008 la Panini Comics distribuisce il fumetto tutto italiano David Murphy – 911, scritto da Roberto Recchioni e disegnato da Matteo Cremona.
Il protagonista è David Murphy, pompiere ausiliare della Contea di Roxanne in Texas che, dopo la morte del padre, eredita il γένος, che nel nostro caso è una maledizione cinese che grava sulla sua famiglia da diverse generazioni.
Tale maledizione attirerà sullo sfortunato Murphy tutte le sciagure possibili e immaginabili, dai disastri naturali più assurdi fino agli attentati terroristici, impedendogli di riabbracciare la sua amata Sharon e condurre una vita tranquilla e normale.
La bellezza di David Murphy – 911 sta nel fatto che si presenta come un widescreen-comic, ovvero un fumetto ideato più come un’opera filmica che come un classico fumetto, paragonandosi ai classici Disaster Movie americani.
Recchioni e Cremona ci regalano continui richiami al made USA: dall’impostazione della trama (ricca sin da subito di azione, sparatorie e scene spettacolari) fino alla rappresentazione di numerosi luoghi e oggetti cult americani, come Las Vegas, il ponte di Brooklyn e le moto custom. Ogni cosa pensata dagli autori proietta il lettore in un’America on the road.
Le vignette si susseguono con grande velocità e con una struttura irregolare, tipica dei comics americani, mentre l’ironia di Murphy, farcita dai numerosi riferimenti ai grandi successi di Hollywood, ricorda quella dei protagonisti dei B-Movie anni ’80.

Anche i cattivi si presentano come il più classico stereotipo americano: numerosi e disorganizzati, in grado di mancare il bersaglio anche da 30 cm e incapaci di pestare chiunque, guidati dal tenebroso Milton Friedman, desideroso di impossessarsi della maledizione dei Murphy per i propri interessi economici.
Non mancano tradimenti, colpi di scena e complotti su scala mondiale, proprio come il cinema americano ci ha sempre mostrato.

Cremona ci regala dei disegni imprecisi, ma d’effetto, quasi a voler marcare la velocità con cui si sviluppa la storia. I personaggi si presentano muscolosi e le donne sexy, mentre per le comparse si marcano i difetti e le imperfezioni.
David Murphy – 911 si presenta come un’opera ben riuscita, adatta a chiunque voglia catapultarsi tra le strade americane e sfamare la propria voglia di azione e adrenalina.
E, come suggerirà più volte il fumetto, se qualcosa può andare storto, lo farà.

Annunci

Di’ pure quel che pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...