Il barone rampante per essere ribelli e liberi!

di

Il barone rampante è un famoso romanzo di Italo Calvino, pubblicato nel 1957. La sua trama si concentra sul percorso di vita di Cosimo Piovasco di Rondò, il quale a causa di un evento significativo, decide di abbandonare il contesto familiare per viverne uno nuovo, cercando di rendersi indipendente. Cosimo è un personaggio molto dinamico, che cerca di trovare una sua Identità: non vuole sentirsi omologato e prigioniero di valori in cui non riesce ad adeguarsi, ma vuole cercare di sentirsi libero e saggio nella nuova “società” che creerà da sé tra gli alberi.

Un aspetto alquanto singolare presenta la voce narrante: Biagio, il fratello del protagonista, è al contrario rispettoso della volontà familiare e di tutte le implicazioni derivanti dalla sequela di quelle tradizioni in vigore nel periodo in cui prende corpo la vicenda, quello settecentesco. Biagio rientra dunque in un meccanismo di completa antitesi con il fratello: Indipendenza contro Rigore. É un contrasto molto forte che, in teoria, dovrebbe condurre allo scontro le due personalità; in realtà, Biagio sostiene sempre Cosimo nelle sue scelte, tanto che più volte cerca di convincerlo a scendere dal suo “mondo”, nonostante i suoi tentativi si rivelino sempre vani.

Le descrizioni costituiscono il punto forte del romanzo: pur ambientato in un luogo immaginario, l’autore allude alla riviera ligure, circoscrivendo geograficamente il mondo dei suoi personaggi molto probabilmente alla zona di San Remo, proprio perché sente la necessità di rievocare e di rivivere nella mente molti paesaggi della sua infanzia, cercando inoltre di trasmettere al lettore l’amore per la natura e il senso di quella necessità di sopravvivenza, fondamentale per alcuni esseri umani. Anche per questo, nel romanzo si possono cogliere moltissimi valori che spingono il lettore a compiere una analisi interiore, e una conseguente vera e propria ricerca di valori morali e personali sempre più alti e autentici.

Nel romanzo sono presenti inoltre, e quasi a specchio, due figure femminili molto importanti: quella della madre, che cercherà di imporre sin da subito una rigorosa disciplina ed educazione ai fratelli e in seguito quella di Violante, la prima vera infatuazione di Cosimo. Conosciuta quasi per caso e rincontrata dopo molti anni, Violante rappresenterà per il protagonista quel tassello mancante della sua vita ricercato, fondamentale e indispensabile, da conquistare in qualunque modo.

Il barone rampante è dunque un romanzo completo, che prende in esame tutti i valori della vita, cercandone una compenetrazione nel vissuto di uno dei protagonisti, che facilmente potrebbe assomigliare a ognuno dei suoi lettori. Nonostante possa essere considerato alquanto datato, questo romanzo riesce ancora a stupire per la sua potenza narrativa e ad essere attuale e concreto, poiché reca in sé un senso di bellezza diversa e ricercata, capace di farci sentire ribelli e liberi.

Buona lettura!

Annunci

Di’ pure quel che pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...