27 – Palesare – Gli EXEMPLA di Legenda

di

Cari lettori e lettrici ben tornati a Gli EXEMPLA di Legenda. Oggi parliamo di un verbo che deriva da un aggettivo, cioè Palesare. 

Se vi state chiedendo che cosa significhi palesare, e se oltre al suo significato state cercando anche l’origine e l’etimologia di questa parola, allora cliccate sui link qui sotto!

Cliccate qui se volete leggere il significato di palesare sul vocabolario della Treccani.

Cliccate qui se volete leggere l’etimologia, e quindi scoprire l’origine del verbo palesare sul dizionario etimologico Pianigiani.

Il seguente testo, che utilizziamo come EXEMPLUM per spiegare palesare è un sonetto di Francesco Berni, autore ed intellettuale del XVI secolo.

Chiome d’argento fine, irte e attorte
senz’arte, intorno a un bel viso d’oro;
fronte crespa, u’ mirando io mi scoloro,
dove spunta i suoi strali amore e morte;

occhi di perle vaghi, luci torte
da ogni obbietto disuguale a loro;
ciglia di neve, e quelle, ond’io m’accoro,
dita e man dolcemente grosse e corte;

labbra di latte, bocca ampia celeste,
denti d’ebano, rari e pellegrini,
inaudita ineffabile armonia;

costumi alteri e gravi: a voi, divini
servi d’amor, palese fo, che queste
son le bellezze della donna mia.

Alla prossima e State Lettori!

Annunci

Di’ pure quel che pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...