O Paes mij

di

Dall’Impero Romano,
a culla ro’ Rinasciment,
a patrij ro’ Risorgiment
e oggj o paes mij è sul ‘nu falliment.

Criminalità, disfunzion,
disoccupazion,
a fann ra’ padron:
pat e famiglj miezz a vij,
giuven custrett a se ne ìj,
pcchè o paese ca l’ha vist e nascer
rifiut re’ fa’ crescer.

Tanta sacrificj fatt pe sturià
senz’avè a possibilità e faticà
o addirittur p’esser sfruttat,
senz che o ssang ittat
ven giustament ripagat.

Chest pcchè succer?
Pcchè chi guvern no’ fa a dduver:
tanti ccap e tant e llor
e nisciun ca funzionass bbon.

A politic, na vot, era na mission
pcchè era fatt po’ ben da nazion.
Oggj invece a fa’ sul l’interess personal
e chill seicient e pass criminal
che hann commess tutti e riat ro’ codice penal
e nisciun e llor sta n’galer
o ha avut a dignità e se dimetter,
pcchè na vot che s’assetten n’gopp a pultron
nun ce penzen proprie a lassà a pustazion.

D’altrond, se senten privilegiat:
impunità, auto blu, vol è stat,
parient sistimat.
E a gent che ormai s’è rassignat
ha perz pur a forz e s’indignà
comm foss normale chell che se fa’.

E po’ luntan arriven vient e cambiament,
ma int o paese mij nun cagn maje nient.
Forz, tutta sta tecnologì c’ha fatt ammuscià,
o magar pe’ ccos bbon nunn’à sapimm usà.

A gent e for cu Facebook  ha fatt a rivoluzion
mentre nuj ce facimm sul e coglion.
Simm o popol cu patrimonj genetic
culturalment e artisticament cchiù ricc:
e Roman hann purtat strad, lingua e legge.
a gent che vivev a mo’ è fuorilegge;
Giott ha’ngignat a vij ra’ vera art,
e p’ogni genj fiorentin essma fa’ nu discors a ppart.
Cavour e Garibaldi ann criat sta Nazion:
in Europ, primm, ce sapeven pe Dant’, Leonard’ e Manzon’.
Oggj ce riren n’guoll po’ bunga bunga e Berluscon’.

Ma che stamma a’ aspetta’?
E ccos che nun vann s’hanna cagnà,
o almen c’iamma pruvà
si nno perdimm o diritt e c’allamentà.

S’adda fernì e pensà “a che serv?
Tant nu succer nient.”,
pcchè chest è proprie chell ca’ vonn llor:
annullà ogni capacità e decision.
Pecciò c’abboffan e cronaca ner,
Barbara D’Urso e Amicj,
e presentan l’immigrat comm e nemicj:
ce sapen da e’ meglj distrazion
pecchè fin a chè tenimm e pazziell,
llor se ponn spugnà a fresell.
E po’ tass n’gopp a tass,
po’ gust e ce fa ascì pazz.

Ce stann tanta mod
p’accirer nu popol:
quanta esempi si se penz a Storj.
Tanta gent accis,
e oggi ce minaccj pur l’Isis.
Chell’è disumanità evident
ma esist pur na disumanità latent:
quand a ‘nu popol se vo’ cancellà l’identità
in modo ca’ perd a dignità,
quand se calpest o passat
comm si nun ce foss maj stat,
tagliann continuament istruzion e cultur
che adda esser o pilastr ro’ futur.

O crimin cchiù gruoss e ‘stì politicant,
che se so’ dimostrat sul’ dilettant,
è che ann trasformat a potenz e sta Nazion,
che po’ passat essa avè devozion,
rint’à ‘na debolezz paradossal,
a ro’ a forz r’ajer,
oggi,
all’Italian fa sul mal.

Annunci

Di’ pure quel che pensi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...